Orto Sinergico

Orto Sinergico

sabato 23 novembre 2013

A quale Distretto Biologico siamo interessati !?




In questi giorni si stanno svolgendo le riunioni tecniche per far partire il primo Distretto Rurale Biologico d'Italia nel territorio Oglio Po.
Abbiamo partecipato entusiasti e favorevoli ai vari tavoli sia a Milano che a Casalmaggiore.
Ora si tratta di capire per chi viene fatto questo Distretto.
Se la volontà dei Piccoli Produttori Locali è quella di partecipare da protagonisti, siamo interessati a proseguire ed a sostenere il progetto, altrimenti, se questa partecipazione qualificata non cè ed il Distretto è stato pensato e sarà gestito in funzione dell'agroindustria, ci ritireremo di buon grado e continueremo sottotraccia a fare la nostra attività di sostegno dei piccoli, del locale e della qualità.

E' chiaro che con l'attuale numero ristretto di produttori bio non si vada molto lontano. I produttori storici sono una grande ricchezza per il territorio in termini di professionalità ed esperienza che deve essere sfruttata. Ecco allora l'importanza di coinvolgere il più possibile i piccoli produttori di vicinato ed anche i piccoli trasformatori senza caricarli di costi che, data la loro natura, non potranno mai permettersi.

Il Distretto deve essere visto come un'opportunità per quei piccoli agricoltori che, oggi, nell'agricoltura "tradizionale", non trovano più un reddito adeguato e che possano essere invogliati dal riconvertirsi totalmente al Bio se vedono una prospettiva di reddito di lungo termine.

Opportunità che non può non passare dall'organizzazione di una Piccola Distribuzione Organizzata, che senza finalità di lucro permetta a chi vende di essere remunerato per il proprio lavoro e a chi compra di acquistare prodotti di qualità locali ad un prezzo abbordabile (di cui il distretto si dovrebbe fare carico ed alla quale noi del Gasalasco stiamo lavorando da tempo).

Era una precisazione dovuta anche se naturale visto che chi conosce la realtà dei GAS sa perfettamente che l'attività dei Gruppi di Acquisto Solidale opera da sempre per incentivare e sostenere i piccoli, non certo le grandi aziende, che trovano il loro sbocco commerciale nella Grande distribuzione organizzata, proprio quella struttura da cui vogliamo sottrarci, visti i grandi danni economici, ambientali e sociali che provoca , slegando i Cittadini dal proprio territorio, desertificando i centri storici, e che, grazie all'importazione di prodotti di bassa qualità ed all'applicazione di prezzi ai produttori insufficienti a coprirne i costi, riesce ad offrire prodotti a basso prezzo.
 

venerdì 1 novembre 2013

DISTRETTO BIO OGLIO PO !

Distretto del Bio Oglio Po:
 il Gasalasco è pronto con Idee e Progetti


L'Associazione Gasalasco Oglio Po impegnata da anni nell'acquisto diretto e nella promozione dell'agricoltura biologica e dei prodotti a km zero è favorevolissima alla creazione nel territorio di un Distretto Rurale Biologico.
Dato che nel Piano del Distretto si dovranno prevedere attività per la promozione e commercializzazione dei prodotti, tutta l'attività svolta sul territorio dal Gasalasco entrano a pieno titolo come punto di riferimento iniziale importante.
In particolare per la promozione locale la Manifestazione “Ecofiera Oglio Po”, patrocinata anche dal GAL locale, che nel 2013 ha visto realizzata la seconda edizione a Casalmaggiore e che si occupa di promuovere il consumo locale di prodotti biologici, potrà essere utilizzata come vetrina da parte di tutte le aziende facenti parte del Distretto. Un Format già super collaudato e riconosciuto come Fiera di alta qualità, che ne ha visto anche il riconoscimento regionale rientrando nella Guida Eventi della Lombardia. L'Ecofiera è ipotizzabile possa essere realizzata in doppia edizione in primavera ed autunno non solo a Casalmaggiore, ma anche a Viadana (primo centro per numero di abitanti del''Oglio Po).
Per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti, oltre agli spacci aziendali presenti nelle aziende agricole, è auspicabile che venga incentivata la creazione di una Piccola Distribuzione Organizzata, che è il naturale sbocco dei prodotti di qualità locali, al fine di raggiungere un numero di consumatori finali consistente. A tal proposito il Gasalasco ha già in previsione l'apertura di uno “Spaccio Biologico Sfuso a Km zero” che grazie ad un contributo della Fondazione Cariplo sarà realizzato nel territorio. Il progetto dello Spaccio appare fatto apposta per creare quella filiera corta a km zero in grado di assicurare un buon profitto ai produttori senza dover passare da lunghe catene commerciali, che penalizzano da sempre i piccoli agricoltori e trasformatori. Elemento innovativo oltre alla distribuzione di prodotti bio è la caratteristica dello sfuso che permetterà a questo Spaccio di avere anche un alto valore in termini di sostenibilità ambientale riducendo alla fonte gli imballaggi attraverso l'utilizzo di contenitori riutilizzabili o riciclabili. Raccordandosi anche con il recente Programma nazionale di prevenzione rifiuti presentato dal Ministero dell'Ambiente che prevede incentivi per l’erogazione di prodotti alla spina.
Oltre alla Bottega che verrà realizzata nel Comune di Casalmaggiore è ipotizzabile in prospettiva un secondo punto vendita a Viadana ed un affiacamento a questi punti fissi dell'E-Commerce di cassette di prodotti quali frutta e verdura di stagione, ma anche di formaggi, miele, pasta e di tutto ciò che il territorio del Distretto sarà in grado di produrre. E-commerce che potrebbe essere un trampolino di lancio per fare sistema e proporsi anche all'estero con un marchio made in “Oglio Po Bio”, per sfruttare la domanda in continua crescita di prodotti di qualità italiani e compensare la riduzione dei consumi interni.
A tutto questo è importante che si lavori affinchè le Mense Scolastiche del Territorio, che solo a Casalmaggiore nella Scuola Pubblica può contare su numeri ragguardevoli (tra i 700 e i 900 pasti giornalieri), siano il primo naturale sbocco commerciale del Distretto Rurale.
Con gli ultimi provvedimenti presi dall'Amministrazione Casalasca, che su imput della Commissione Mensa e di alcuni soci del Gasalasco in particolare, ha introdotto la filiera corta ed il Km zero tra gli elementi discriminanti del Capitolato d'appalto per l'approvvigionamento del cibo, la Mensa Scolastica potrà diventare un punto di riferimento importante per tutto il territorio Oglio Po, da prendere come esempio virtuoso replicabile.
La Mensa Bio a Km zero affiancata ad attività di educazione alimentare per Genitori e Bambini durante l'anno scolastico potranno fare da tramite affinche la cultura del cibo sostenibile locale venga adottata anche in Famiglia. Fra l'altro nell'incontro tenuto al Pirellone a Milano di presentazione del Distretto sia l'Assessore regionale all'agricoltura Fava sia il Consigliere regionale Alloni hanno rimarcato l'interesse per l'introduzione di una normativa regionale che trasformi le Mense Scolastiche a km zero, come previsto dalle Linee Guida del Ministero della Salute e sapientemente applicate in anticipo a Casalmaggiore.

venerdì 25 ottobre 2013

Distretto Bioagricoltura e Bontà

Vi informiamo che il Gasalasco sarà presente a due incontri importanti.

Il primo a Milano Lunedì 28/10 al Pirellone alla presentazione dello Studio "Bioagricoltura nell'Oglio-Po le ragioni del distretto rurale".
Ricordiamo che il Gasalasco oltre al Gruppo di Acquisto locale organizza la manifestazione "Ecofiera Oglio Po", che quest'anno ha visto la sua seconda edizione ed inoltre che nel 2014 vedrà concretizzarsi il progetto finanziato in parte dalla Fondazione Cariplo "Spaccio Biologico Sfuso a Km zero" parte del bando "Costruire Comunità Sostenibili".



Domenica 10 Novembre organizzeremo insieme alle Fiere di Cremona alla Manifestazione Il BONTA' un Seminario dal titolo:



I Gruppi di Acquisto Solidale (GAS):
 tra volontariato e professione
 
 
Organizzazione: Cremonafiere in collaborazione con GASalasco.
 
 



http://www.ilbonta.it/wp-content/uploads/sites/8/2013/07/PROGRAMMA-EVENTI-Il-Bont%C3%A0-2013.pdf

domenica 21 luglio 2013

WWW.OGLIOPOPARTECIPA.IT ATTIVO !



E' iniziata la Rivoluzione dal Basso !!

Una semplice registrazione sul sito permetterà a tutti i Cittadini residente nell'Oglio Po di Segnalare Problemi e Fare Proposte per migliorare il territorio.
Una piazza virtuale dove i Cittadini potranno fare rete, raccogliere sostenitori ed incontrarsi per discutere dei problemi della propria Città.
Si chiama OglioPoPartecipa  portale lanciato da "Centro Studi Democrazia Partecipativa" di Milano in collaborazione con Associazione Gasalasco Oglio Po.

Ognuno potrà:
- inserire proprie idee arricchendole con foto, link, documenti e video.
- sostenere altre idee, commentarle, contattare privatamente chi le ha proposte
- visualizzare problemi e proposte sulla Mappa
- condividere sui principali Social Network


Parte quindi da oggi una Prima Fase di lancio con la raccolta di idee e problemi che verranno discussi il 7/8 Settembre 2013 presso l'Ecofiera Oglio Po (www.ecofiera.gasalasco.org). 

Finita questa prima fase di rodaggio ci sarà una presentazione ufficiale ed un approfondimento sui temi della Partecipazione da parte del Dott. Stefano Stortone Co-Responsabile del Progetto OglioPoPartecipa.

In particolare:

Sabato 7 Settembre alle ore 17:30 presso il Parco della Posta a Casalmaggiore dibattito sui Bilanci Partecipativi.

Domenica 8 alle 11:30
presentazione ufficiale OglioPoPartecipa e nel pomeriggio votazione in assemblea delle idee raccolte.

Durante la manifestazione verranno distribuiti all'ingresso e nello stand dedicato le schede Problemi/Progetti che i Cittadini possono compilare (successivamente saranno inserite sul sito per aiutare chi non è particolarmente avvezzo all'uso del computer e di internet).



Si potranno trattare gli argomenti più disparati tra cui:

ambiente e decoro urbano
amministrazione
cultura
diritti di cittadinanza
infanzia, educazione ed istruzione
lavoro, economia e sviluppo
pari opportunità, accoglienza e coesione sociale
salute e sostegno sociale
sicurezza e legalità
sport e benessere
viabilità e mobilità sostenibile




Qui il manuale per utilizzare la piattaforma:

 
http://www.ogliopopartecipa.it/guida-all-uso/

domenica 7 luglio 2013

Centro per il Riuso, Baratto e Scambio !!!!





 

Prendiamo spunto da una notizia cittadina volta ad istituzionalizzare un mercatino del riuso per proporre qualcosa di più organico, che possa coinvolgere tutta la popolazione e sia un fattore di sviluppo del commercio e dell'economia locale ed al contempo permetta di ridurre la quantità di rifiuti prodotti dalla Comunità nel suo insieme.

Stiamo parlando di creare un "Centro del Riuso, Baratto e Scambio" dove possa accedere tutta la popolazione residente nell'Oglio Po. 

L'esperienza del Comune di Capannori in Italia crediamo possa essere copiato e riadattato alle nostre esigenze.





A ciò si potrebbe affiancare l'utilizzo di una "Moneta Locale Complementare" cartacea e/o virtuale da far gestire alla Cassa Rurale Locale (presente su tutto il territorio) che utilizzata come mezzo di scambio al posto del baratto ed accettata da un circuito locale di commercianti in sostituzione di parte del prezzo di vendita, rianimarebbe le Botteghe di prossimità, l'artigianato e le attività economiche in genere permettendo alle risorse (sempre più scarse) di rimanere nell'Oglio Po.

Tale Moneta Locale Complementare utilizzata anche da una "Banca del Tempo dell'Oglio Po", dove le Persone offrono la propria professionalità, si espanderebbe velocemente.

Dato che il mercato monetario dell'euro è completamente bloccato (le banche non concedono prestiti) e che la disoccupazione stà dilagando anche qui da noi con il conseguente crollo dei consumi, non si vedono soluzioni a breve, soprattutto se il governo centrale continuerà a seguire i precetti europei dell'austerity, che con il fiscal compact ed il pareggio di bilancio in Costituzione fanno pensare ad un crollo epocale dell'economia nei prossimi anni (altro che luce in fondo al tunnel).
 
Riduzione dei Rifiuti, Aiuto alle Famiglie in difficoltà, Rianimazione dell'Economia Locale sono tutti effetti collaterali di un progetto come la realizzazione di un Centro del Riuso con queste caratteritiche.

Incentivi e Premi ai Cittadini Virtuosi da parte dei Comuni e della Municipalizzata dei Rifiuti completerebbe il quadro.

 Qui sotto un pò di link:

http://www.oglioponews.it/2013/07/07/il-mercatino-del-riuso-potrebbe-diventare-appuntamento-fisso/#more

http://www.comune.capannori.lu.it/node/12156

http://www.youtube.com/watch?v=zCJzCJQ-OV4&feature=youtu.be

lunedì 1 luglio 2013

CREDITI FORMATIVI DAL GUERRILLA PARKING !!!

Mentre il Guerrilla Parking si prende una pausa di riflessione in attesa di riprendere quanto prima, stiamo pensando a come far si che questo Progetto abbia una continuità nel tempo.
Dato che i Parchi sono tanti e che avranno bisogno di una costante attività di manutenzione negli anni a venire abbiamo pensato che si debbano coinvolgere anche le Scuole del territorio, con gli Studenti in prima linea, che potranno ottenere così dei "Crediti Formativi" per la loro attività di volontariato.
In queste settimane ci siamo ritrovati noi Genitori quarantenni con i nostri Bambini, è stato molto bello stare insieme e dare l'esempio ai più piccoli, ma crediamo sia opportuno coinvolgere le nuove generazioni, quelle che magari hanno imbrattato giochi e panchine.
Occorre che i Ragazzi ricomincino ad avere/coltivare un senso civico e ad apprezzare/rispettare la cosa pubblica, i Beni Comuni.
Lanciamo quindi questa idea di un Guerrilla istituzionalizzato tra Comune/Genitori/Associazioni/Studenti che presenteremo a Settembre all'interno dell'Ecofiera Oglio Po, sperando che i Dirigenti Scolastici del Polo Romani e di S.Chiara di Casalmaggiore insieme agli Insegnanti accolgano la nostra proposta e si possa partire da subito per togliere dal degrado e dall'incuria sempre più zone della Città.
D'altronde, con le risorse economiche sempre più magre dei Comuni, possiamo solo fare due cose: lasciare che il territorio si degradi sempre di più con tutti gli annessi e connessi di criminalità e ordine pubblico che questo comporta, oppure partecipare, riprendere in mano le sorti dei Parchi, delle Strade, dei Luoghi di Ritrovo per far si che la nostra città rimanga, come gli anni passati, un luogo dove crescere in tranquillità i propri Figli scevra da quei pericoli che caratterizzano centri abitati molto più popolosi e grandi. Quale miglior lezione di civismo se non quella di ripristinare manualmente i giochini nei parchi pubblici di cui poi usufruiranno le Famiglie !!

 
Credito Scolastico
Da "Wikipedia":" Il credito scolastico è un punteggio (fino ad un massimo di 25 punti) che viene attribuito annualmente negli ultimi tre anni della scuola superiore, calcolati in base alla media aritmetica dei voti dello scrutinio finale. Il credito scolastico è stato istituito con D.P.R. 323 del 23 luglio 1998.
Il credito scolastico maturato viene calcolato per il punteggio finale dell'esame di maturità, e corrisponde ad un massimo di 25 punti sui 100 totali, mentre i 75 rimanenti sono distribuiti in tre prove scritte da 15 punti ciascuno e un esame orale di 30 punti."
 
Credito Formativo
Da "Wikipedia": "Il credito formativo, attribuito annulamente negli ultimi tre anni della scuola superiore,  prende in considerazione le attività extracurriculari all'interno della scuola e tutte le altre attività svolte dallo studente che possono essere considerate formative per il proprio percorso. Esse comprendono corsi e certificazioni linguistiche, corsi e certificazioni sportive, esperienze e attività educative, sociali e di volontariato. Lo studente può presentare al consiglio di classe le varie attestazioni, ed esso prenderà in considerazione il punteggio più alto del credito scolastico, che oscilla sempre tra due numeri, a seconda della media dello studente. Nel caso in cui lo studente non aggiungesse attestati o certificazioni di attività extracurriculari, il consiglio di classe si avvarrà del valore in decimi della media aritmetica dei voti arrotondata per difetto e corrispondente al punteggio più basso della rispettiva fascia oppure arrotondata per eccesso e corrispondente a quello più alto."

Sostanzialmente il Credito Formativo è una forma di valutazione in base al merito, che prevede il riconoscimento degli impegni extrascolastici presi dallo studente durante l'anno scolastico come attività sportive, musicali, di volontariato, lavorative, eccetera. Tutte le attività svolte durante il periodo dell'anno scolastico possono contribuire, se formative, all'aquisizione del credito.

Il credito formativo è decretato dal Consiglio di Classe che, visionando il materiale (come riconoscimenti, attestati, ecc.) fornito dallo studente, prende atto della formazione che lo studente ha potuto aquisire e valuta, secondo una tabella ben precisa, l'assegnazione del numero di crediti. Bisogna sottolineare che la variazione è di solamente 1 credito formativo, e si basa sopratutto sulla condotta dell'alunno e su che tipo di attività extrascolastiche ha seguito durante l'A.S.. Influiscono inoltre la "frequenza scolastica, i ritardi, le assenza ingiustificate, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative." (Decreto Ministeriale n. 99/2009 - Ministro per la Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini) 
I vantaggi di avere crediti formativi è che maggiore è il numero di crediti aquisiti durante gli ultimi tre anni delle superiori, maggiore sarà il punteggio all'esame di stato. E' possibile infatti "spendere" questi crediti per aumentare il punteggio.
La documentazione necessaria è da presentare normalmente nel mese di maggio-giugno, in alcune scuole si presenta al Coordinatore di classe, in altre presso la segreteria scolastica. I certificati o moduli di attestazione sono rilasciati dalle varie Associazioni o Organizzazioni che hanno promosso l'attività a cui lo studente ha partecipato nel corso della classe 3°, 4° o 5°.

martedì 11 giugno 2013

GUERRILLA PARTE III: PARCO ROMANI

Sabato 15 Giugno 2013 riprende con la terza puntata l'attività di ristrutturazione dei Parchi. Questa settimana andiamo al Parco del Romani, il più degradato di tutti. Lo scivolo dovrà essere rimosso ormai non più utilizzabile e pericoloso con la scaletta mancante e molte viti scoperte. Sistemeremo le cinque panchine in legno e ferro con levigatrici, impregnanti e pitture e puliremo con i pulivapor tutte le panchine in pietra imbrattate dai vandali. Ripittureremo i muri adiacenti togliendo le scritte sperando che cessi l'attività di quegli idioti che hanno trasformato il muro in un urinatoio a cielo aperto a tutte le ore del giorno e della notte. Le foto qui sotto parlano da sole: